Eventi

Concerto d'autunno

Istituto Magnificat di Gerusalemme Scuola di musica (dal 1995) della Custodia francescana di Terra Santa, situata nel cuore della città vecchia di Gerusalemme, per l’educazione alla pacifica convivenza, allo sviluppo di rapporti di reciproca stima e di rispetto tra allievi e professori di diverse origini sociali e confessionali. Presso l’istituto Magnificat cristiani, ebrei e musulmani imparano insieme l’arte della musica di alto livello che permette loro di accedere a diplomi e riconoscimenti universitari europei. Il concorso “Nikolaus De La Flüe” Il M.O.M. Magnificat Open Music Festival “Nikolaus De La Flüe”, giunto alla sesta edizione, è riservato agli allievi dell’Istituto Magnificat, ai giovani pianisti palestinesi e agli studenti di pianoforte iscritti nelle scuole palestinesi. L’obiettivo è di individuare e promuovere giovani musicisti che in futuro possano intraprendere la carriera professionale, come esecutori o insegnanti, nel contesto della società palestinese. Il concorso 2016 si è svolto dal 30 aprile al 21 maggio tra diverse categorie, suddivise in base al grado di difficoltà dei brani da eseguire, con un brano obbligatorio e un altro a scelta. L’Associazione Amici del Magnificat L’Associazione Amici del Magnificat (Melide – TI), sostiene con ogni mezzo l’Istituto Magnificat di Gerusalemme. È legata alla Custodia di Terra Santa da una Convenzione di Collaborazione. Sponsorizza il Concorso Pianistico annuale dell’Istituto Magnificat di Gerusalemme. www.magnificatinstitute.org

Vincitori del concorso “Magnificat” di Gerusalemme

Questo spettacolo è organizzato da Villa Cagnola di Gazzada Schianno 

Il cristo necessario

Nell’anno della canonizzazione di Paolo VI, la compagnia “Exire”, in collaborazione con l’Istituto Superiore di Studi Religiosi Beato Paolo VI propone una rappresentazione volta a ricordare, secondo le parole di Papa Francesco, «questo grande papa, questo coraggioso cristiano, questo instancabile apostolo».
Una vicenda di oggi: Ferruccio, uno scrittore profondamente in crisi, riceve l’incarico di scrivere un libro sul più ‘complesso’ dei Papi della modernità, Papa Paolo VI. Si tratta di una sfida unica; costretto a misurarsi a distanza con Giovanni Battista Montini e obbligato, suo malgrado, a fare i conti con la profondità del pensiero del Papa. Chi fu davvero Giovanni Battista Montini? Qual è la chiave per capire l’uomo Montini, prima che il Papa? In scena, oltre allo scrittore, ci saranno il filosofo (che ricorda J. Guitton), la donna della Spirito, l’uomo comune (che richiama lo stesso Zola): tre personaggi con cui misurarsi, tenendo in filigrana la figura vera dell’indagine, Papa Paolo VI. Sulla scena, silente e al tempo stesso eloquente, ci sarà anche un ritratto di Papa Montini, del quale si sentirà, di tanto in tanto, la voce originale tratta da documenti audiovisivi dell’epoca. Lo spettacolo, della durata di un’ora, vuole essere un’indagine sulla figura umana e cristiana di Giovanni Battista Montini, il cui cuore fu sempre radicato nella certezza della ‘necessità di Cristo’ per l’uomo moderno, accolto e valorizzato nella sua integrità.

Indagine su Paolo VI

di Sergio Di Benedetto con Matteo Bonanni, Fabio Sarti, Angelo Zilio, Francesca Milanese

Regia di Fabio Sarti

Questo spettacolo è organizzato da Villa Cagnola di Gazzada Schianno 

Musiche da Oscar

Musiche da Oscar

Ensemble “Le Muse” Soliste di Rondò Veneziano Ensemble strumentale interamente al femminiIe di recente formazione formato da strumentiste cresciute artisticamente all’interno dello storico gruppo “Rondo’ Veneziano”. Il gruppo varia la propria formazione dal tradizionale quintetto d’archi a formazioni più allargate per il repertorio sinfonico. La peculiarità dell’Ensemble “Le Muse” è quella di aver creato con lo spettacolo “Barocco 2000”, un particolarissimo sound che deriva dal connubio tra il barocco del 700 veneziano e le sonorità e i ritmi della musica pop e rock del nostro secolo. Il vasto repertorio spazia dal barocco riletto in chiave moderna a compositori neo-barocchi (come Karl Jenkins e Gian Piero Reverberi, creatore appunto dei Rondò Veneziano) che si ispirano ai modelli stilistici di Vivaldi, Albinoni, Galuppi e del tardo-barocco europeo. In questo programma 9 soliste eseguono un continuo “duello” musicale con il “tutti” dell’ensemble di ripieno, come nel più classico concerto grosso barocco. Tutto il repertorio Muse è creato appositamente per il gruppo dal proprio ideatore, il pianista e direttore Andrea Albertini. L’attività concertistica ha portato il gruppo ad esibirsi nelle principali sale da concerto italiane ed europee. Di recente è l’ensemble è stato scelto per l’inaugurazione della nuova sede Ubs a Chiasso. Nel novembre 2013 ha inaugurato la stagione concertistica del teatro degli Emiliani di Genova, ottenendo uno straordinario consenso da parte della critica musicale. Nel maggio scorso è stato registrato il primo cd dal titolo “Barocco 2000”. Nel luglio del corrente anno hanno ufficialmente aperto il semestre di presidenza italiana alla Comunità Europea con due concerti all’Auditorium del Conservatorio di Ankara e a Palazzo Venezia di Istanbul. Nel febbraio scorso hanno suonato (con il progetto “Morricone”) al teatro Des Varietes di Montecarlo alla presenza del Principe Alberto. Nel prossimo giugno suoneranno alla Reggia Reale di Venaria in una serata benefica voluta dalla famiglia Elkann a favore dell’Ospedale Sacco di Torino.

“Musiche da Oscar”

Omaggio a Ennio Morricone”

Ensamble Le Muse

Direttore e pianoforte: Andrea Albertini

Questo concerto è gentilmente offerto da BCC CREDITO COOPERATIVO di Buguggiate & Busto Garolfo (Va)

I pianoforti di Chopin

I pianoforti di Chopin

Olga Pashchenko Olga Pashchenko, una delle artiste più versatili nel panorama odierno, è nata a Mosca nel 1986. Ha iniziato gli studi musicali a sei anni specializzandosi in organo, clavicembalo, fortepiano e pianoforte moderno. Si è diplomata alla all-Russian Young Pianists Competition a sette anni ed è entrata nella Moscow Special Gnessin Music School, dove si è diplomata nel 2005. Ha vinto una borsa di studio al Russian Performance Art Fund ed è stata insignita alla International Gnessin Young Artists Competition e all’International Beethoven Festival of Chamber Music. Ha proseguito gli studi al Moscow State Tchaikovsky Conservatory con A. Lubimov, O. Martynova e A. Schmitov, laureandosi con lode nel 2010. Nel frattempo si è laureata in linguistica alla Moscow State University e ha ottenuto la laurea magistrale al Moscow Tchaikovsky Conservatory con A. Lubimov e K. Zenkin sull’interpretazione della musica sulle tastiere dal XV al XIX secolo. Ha studiato fortepiano e clavicembalo con Richard Egarr allo Sweelinck Conservatory ad Amsterdam, specializzandosi “cum laude” in fortepiano nel 2013 e in clavicembalo nel 2014. A nove anni ha tenuto il suo primo recital pianistico a New York. Ha vinto numerosissimi premi e ha suonato come solista, musicista da camera e solista orchestrale in Germania, Francia, Belgio, Olanda, Italia, Svizzera, Stati Uniti e Russia, ed è un ospite regolare in molti festival di musica antica e contemporanea.

“I pianoforti di Chopin: Erard 1843 e Pleyel 1848”

Pianoforte: Olga Pashchenko

Questo concerto è gentilmente offerto dalla ditta ELIO RACHELLI di Gazzada Schianno (Va)