Articoli

Lo scenario

Ritorna, dopo un anno di sosta dovuto alla pandemia, la stagione di “Musica in Villa Cagnola”, arrivata alla 44° edizione (e dedicata alla memoria di Camillo Croce e Carla Tinozzi), con nove concerti, a partire da domenica 13 giugno, e due spettacoli fuori programma, previsti per giovedì 10 giugno e giovedì 17 giugno.

Una rassegna simbolo per la provincia di Varese, seguita ogni anno da migliaia di persone grazie alla suggestione del luogo, la settecentesca villa del nobile Guido Cagnola a Gazzada Schianno, e alla qualità delle proposte.

Che, come ogni anno, cercano di accontentare i diversi gusti del pubblico, e questa volta anche seguendo le disposizioni ministeriali in materia di Covid 19, attraverso un itinerario culturale capace di attraversare generi quali la musica d’arte, i grandi classici, gli strumenti solisti, il musical, l’operetta, con protagonisti di primo piano in ogni disciplina.

In prima linea, come sempre, tra gli organizzatori spiccano la Pro Loco, Villa Cagnola e il Comune di Gazzada Schianno, oltre a una ricca partecipazione di sponsor privati.

Musica in villa” ha visto nel corso della sua storia alternarsi solisti di vaglia, da Ottavio Dantone ad Antonio Ballista, da Mauro Rossi e Mario Brunello a Giuliano Carmignola, allo straordinario Stefano Bollani, prestigiosi direttori d’orchestra quali Diego Fasolis, Pietro Borgonovo o Stefano Montanari, gruppi noti a livello mondiale come il Buena Vista Social Club, ma anche comici prestati alla musica seria come Enzo Iacchetti, con il suo disco dedicato a Giorgio Gaber, Gerry Scotti e i Fichi d’India, voci recitanti di un trionfale “Pierino e il lupo” di Prokofev, Enrico Beruschi con il pianista Carlo Balzaretti, il violinista Sergej Krilov o il compositore argentino Luis Bacalov.

“Nomi che ci rendono orgogliosi e ci spronano a continuare, nonostante la pandemia che ha limitato fortemente le iniziative culturali, per garantire al nostro pubblico gli appuntamenti estivi “sotto il portico”, questa volta purtroppo senza il brindisi augurale nell’intervallo del concerto, per motivi di sicurezza anti contagio”, dice il Presidente della Pro Loco di Gazzada-Schianno, dottor Angelo Carabelli.

Il palco sarà montato nel porticato della villa, dotato di una straordinaria acustica, in modo da garantire il concerto anche in caso di maltempo. Tutti i concerti avranno inizio alle ore 21.

Una delle caratteristiche delle stagioni degli ultimi anni è la possibilità data ai giovani di esprimersi attraverso la musica. Ecco allora il concerto straordinario di giovedì 17 giugno, che vedrà sul palco l’Orchestra del Liceo Musicale “Riccardo Malipiero” di Varese diretta da Carlo De Martini, con un programma che comprende Mozart e Britten. L’altro spettacolo fuori programma, di giovedì 17 giugno, riguarderà “Le avventure di Pinocchio” di Carlo Collodi, uno spettacolo teatrale educativo a cura della compagnia teatrale “Splendor del vero”, con la regia di Luisa Oneto.

LE PROPOSTE

Apertura domenica 13 giugno con “Mozart & Salieri”, ospite l’Orchestra “Antonio Vivaldi” diretta da Leonardo Benini, con Marco Cadario al clavicembalo e il soprano Gabriella Costa, impegnati a eseguire musiche dei due presunti nemici.

Domenica 20 giugno, invece, spazio all’operetta, con un pot pourri da “La vedova allegra” di Franz Lehár, a cura dell’orchestra e balletto della Compagnia Elena D’Angelo, con la stessa D’Angelo nel ruolo di Anna Glavary e la direzione di Marcella Tessarin.

La domenica successiva, 27 giugno, la Compagnia Tabarin Caffè Concerto di Silvia Zanardi ed Elena D’Angelo, in collaborazione con Operaoltre, proporrà una “Grand soirée al Café chantant”, con le canzoni degli anni dieci e venti del ‘900 e il concerto dedicato alla memoria di Massimo Pella.

Domenica 4 luglio, sarà la volta del “Sogno di una notte di mezza estate”, con l’omonima opera di Felix Mendelssohn Bartholdy eseguita dall’Orchestra da Camera del Conservatorio della Svizzera italiana diretta da Francesco Bossaglia, che eseguirà anche la Sinfonietta FP 141 di Francis Poulenc.

Singing Musical” da Gershwin ai Queen, è invece la proposta di Band Ritmica Sonic Factory Band e Quartetto Le muse, con la direzione di Andrea Albertini, in calendario sabato 10 luglio.

Evento clou di “Musica in Villa”, “Le quattro stagioni” di Antonio Vivaldi, previste venerdì 16 luglio con l’orchestra dei Cameristi del Verbano, con Danilo Costantini al cembalo e, in qualità di solista, il grande violinista Giuliano Carmignola. La dedica della serata va a Giuseppe Marzoli, recentemente scomparso, e da tempo grande amico e collaboratore della stagione musicale.

Musica etnica alla ribalta domenica 25 luglio, con il gruppo Odwalla, impegnato in “Ancestral Ritual”, brani per sole percussioni che vanno dal jazz all’Africa, passando dalla danza e dalla musica contemporanea. Nell’anniversario della nascita di Astor Piazzolla non poteva mancare un suo “ritratto” musicale, con il Trio Itinera Mundi e i ballerini di Anima Tango, alla ribalta venerdì 30 luglio con i brani più noti della vasta produzione del grande compositore e bandoneonista argentino.

Il concerto finale, previsto per domenica 1° agosto, vedrà protagonista Yulia Deyneka, prima viola della Staatskapelle Berlin, impegnata in tre Suite per violoncello solo, trascritte per viola, di Johann Sebastian Bach.

Info

Per questa edizione l’ingresso è libero, con prenotazione obbligatoria a: https://prolocogazzadaschianno.it/event/.

Gli organizzatori assicurano l’esecuzione dei concerti anche in caso di maltempo. L’orario di inizio potrebbe subire variazioni a seguito di nuove disposizioni ministeriali.

A Villa Cagnola è possibile prenotare online, dal sito www.villacagnola.it, il buffet preparato nella cucina della villa, con due primi piatti, una vasta selezione di salumi, formaggi, verdure e un ampio assortimento di dolci, con inclusi acqua e vini della casa. È altresì possibile prenotare la cena prima del concerto, con il 10 per cento di sconto, al ristorante della villa, aperto tutti i giorni a pranzo e cena.

ModificaImpostazioni del link attualmente selezionato

Fino al 30 settembre 2021, il pubblico di “Musica in villa”, grazie a una speciale convenzione con alcuni alberghi, potrà ottenere, presentando il biglietto di un concerto assieme al programma di sala, uno sconto del 10 per cento sui pernottamenti offerti dagli esercizi aderenti all’iniziativa.

Inoltre, grazie alla collaborazione con alcuni ristoranti, con le stesse modalità si potrà ottenere il 10 per cento di sconto sui menù. Per usufruire delle agevolazioni è sufficiente presentare al ristoratore convenzionato un biglietto del concerto insieme a un programma di sala.

Per maggiori informazioni:

Contatta la segreteria organizzativa, chiama il n° 0332875120 oppure il n° 0332461304, scrivi a info@prolocogazzadaschianno.it o visita il sito www.prolocogazzadaschianno.it

Fonte “L’informatore comunale” maggio 2021

Il presidente della Pro Loco parla di sé, del lungo periodo che ha tenuto tutti fermi e racconta i progetti pronti per essere realizzati. Pandemia permettendo.

Sono molte le associazioni che si identificano con chi le guida, magari da molti anni. A Gazzada Schianno la Pro Loco ha un nome e un volto: Angelo Carabelli, il “dottor” Carabelli.

Da trentatrè anni è il presidente dell’associazione che organizza eventi in paese. Per questo, perché in tutta la provincia lo conoscono, quando il virus lo ha contagiato in molti hanno tenuto il fiato in sospeso.

Carabelli è stato uno dei primi ad essersi ammalato di Covid-19: era marzo dell’anno scorso e ancora qualcuno pensava che fosse poco più di una banale influenza. Anche lui, e non ne fa un mistero: “Il virus era appena arrivato – racconta – e la portata non era ancora chiara. Ero convinto che me la sarei cavata con qualche giorno di febbre e un malessere diffuso e invece poi la situazione è precipitata”.

A tal punto che Carabelli viene ricoverato, poi quando il peggio sembrava finito, il Covid lo ha aggredito in maniera ancora più feroce: “Sono rimasto oltre 100 giorni in ospedale e c’è stato un momento in cui i medici han no davvero pensato che non ce la facessi. Ma ora sono qui: è ancora diffi cile avere una vita normale, la ripresa è lunga e faticosa ma sono ottimista”.

 La sua vita è cambiata sotto molti punti di vista: oggi Angelo Carabelli ha lasciato l’incarico di primario della dermatologia di Gallarate e Busto Arsizio ed è in pensione. Una buona notizia per lui, che potrà godersi le sue giornate, e per i volontari della Pro Loco che potranno averlo al loro fianco questa volta “a tempo pieno”.

Si torna a lavorare e a progettare: “I  progetti  sono  tanti  ma  dobbiamo fare  i  conti  con  la  pandemia – spiega – Quest’anno  “Musica in Villa” compie 45 anni, un traguardo eccezionale, e dopo avere purtroppo  saltato l’edizione numero 44, siamo pronti a continuare  un percorso  iniziato quasi mezzo  secolo  fa e pieno  di  incancellabili  ricordi, uniti non soltanto alle magnifiche esecuzioni, ma soprattutto ai legami di amicizia che man mano si sono stretti con i musicisti, alcuni dei quali  ritornano in villa periodicamente. Dobbiamo farlo anche per il nostro pubblico, sempre caloroso e numeroso, che non ci ha mai abbandonato”.

Musica in Villa dovrebbe partire a metà giugno e concludersi a fine agosto. I gruppi suoneranno come di con sueto a Villa Cagnola, sotto il portico settecentesco, sempre che la situazione sanitaria lo consenta.

“Certo – conferma il presidente della Pro Loco – questa è la condizione indispensabile ma noi non ci fermiamo e andiamo avanti a progettare. Stiamo organizzando il Raduno bandistico a Villa Cagnola, sarebbe la 25° edizione, e quattro serate di Cinema all’aperto in Villa De Strens. Più semplice sarà l’allestimento di mostre, con quadri e sculture, nella chiesa dell’Assunta a Gazzada e in quella dei Santi Cosma e Damiano a Schianno”.

Lo sguardo va anche oltre, e si arriva all’autunno: “Ci piacerebbe riuscire a proporre una bella festa popolare. Sarebbe anche un bel segnale: tornare a vedersi, a stare insieme. Vorremmo organizzare in autunno una castagnata a Villa De Strens”.

Ma c’è dell’altro: la Pro Loco di Gazzada Schianno compie 50 anni: è nata infatti nel 1971.

“Anche la sezione del CAI di Gazzada festeggia i 50 anni di Fondazione – spiega Carabelli -. Condividiamo anche la sede di via Roma, per quello vorremmo organizzare qualcosa con loro”.

Di lavoro da fare ce n’è davvero tanto e le proposte che potrebbero rivitalizzare il paese non mancano.

“Il nostro è un gruppo compatto – conclude Carabelli – composto da una cinquantina di persone, tra consiglieri, volontari e collaboratori. Questo anno triste e difficile ci ha portato via alcuni amici di lunga data: penso ad Antonio Piccinno, il nostro uomo dappertutto, con le sue sfuriate in Pro Loco nelle riunioni del giovedì, e poi gli amici Giuseppe Baratelli, Dario Ponti, Ambrogio Brusa e Pierangelo Brusa. Lutti gravi, che ci danno però ancora più forza per continuare il cammino nel loro ricordo.

Forza! La cultura è l’arma per risollevare I cuori, mettiamoci al lavoro”.

Abbiamo voglia di ripartire.
Nonostante la lotta al Covid sia ancora in corso, nonostante i tanti lutti che ci hanno colpito negli ultimi tempi, ci dobbiamo essere, per chi ha sempre creduto in noi e nelle nostre iniziative.
Un anno di vuoto, senza suoni e senza riunioni, la pandemia ha costretto tutti al silenzio e al “fermo macchine”, così anche la Pro Loco è entrata nel sonno, ma adesso è il momento di agire e tornare a operare, certo nei limiti delle normative previste per il proseguire dei contagi.

Quest’anno “Musica in Villa” compie 45 anni, un traguardo eccezionale, e dopo avere purtroppo saltato l’edizione numero 44, siamo pronti a continuare un percorso iniziato quasi mezzo secolo fa e pieno di incancellabili ricordi, uniti non soltanto alle magnifiche esecuzioni, ma soprattutto ai legami di amicizia che man mano si sono stretti con i musicisti, alcuni dei quali ritornano in villa periodicamente.
Dobbiamo farlo anche per il nostro pubblico, sempre caloroso e numeroso, che non ci ha mai abbandonato.

Il nostro è un gruppo compatto, che ha voglia di fare, anche se purtroppo sono mancati alcuni validi collaboratori ed ex-consiglieri: penso ad Antonio Piccino, il nostro uomo dappertutto, con le sue sfuriate in Pro Loco nelle riunioni del giovedì, e poi gli amici Giuseppe Baratelli, Dario Ponti, Ambrogio Brusa e Pierangelo Brusa.

Lutti gravi, che ci danno però ancora più forza per continuare il cammino nel loro ricordo. Forza, la cultura è l’arma per risollevare i cuori, mettiamoci al lavoro.

Un caloroso arrivederci.

Angelo Carabelli

Nel TG di RAI3 andato in onda lo scorso 2 luglio si è parlato della 42° edizione di “Musica in Villa Cagnola 2018” con una bella intervista al nostro presidente, nonché Direttore Artistico della rassegna, Dr. Angelo Carabelli.

Potete vedere il servizio cliccando qui (dal minuto 17:45 al 19:16)